RSE
A A
Login
nome di accesso
password
login
GSE
ITA english

Energia da rifiuti

Negli ultimi anni si sta assistendo a un progressivo incremento della percentuale di termovalorizzatori in grado di effettuare il recupero energetico da rifiuti solidi urbani (RSU). I rifiuti assimilabili alle fonti rinnovabili sono una risorsa da sfruttare quanto più possibile data la sinergia tra la disponibilità di un combustibile a costo nullo e la potenziale soluzione del correlato problema dello smaltimento.

Alcuni delle problematiche tecnologiche maggiormente presenti nel settore e su cui si concentrano i maggiori sforzi di ricerca nazionali e internazionali riguardano essenzialmente l'aumento di efficienza dei termovalorizzatori dotati di recupero energetico (WTE), i problemi di corrosione dei materiali di alcuni componenti critici, che ne limitano la durata e accrescono i costi di esercizio, e l'aumento dell'efficienza di abbattimento dei sistemi di trattamento dei fumi.

In particolare alcuni sforzi di ricerca sono incentrati sullo sviluppo di nuovi materiali e di rivestimenti per la protezione dalla corrosione e di nuove tecnologie affidabili e a basso costo per la loro applicazione, sullo sviluppo di nuove soluzioni impiantistiche riguardanti i sistemi di trattamento dei fumi, sulla valutazione di materiali catalitici innovativi che permettano di aumentare l'efficienza di abbattimento degli inquinanti, sullo studio dei meccanismi di formazione dei microinquinanti organici, sull'analisi e la definizione di criteri di monitoraggio delle emissioni.

In particolare nell'ottica di minimizzare il numero di siti produttivi necessari e di superare, nel contempo, alcuni aspetti tecnologici che limitano il raggiungimento di rendimenti più elevati, una possibile opzione è costituita dall'integrazione tra i termovalorizzatori e gli impianti termoelettrici tradizionali.

Le attività condotte da RSE in questo campo hanno avuto come obiettivi:
. sviluppare tecnologie innovative di applicazione di rivestimenti per la protezione dalla corrosione dei componenti di impianto che attualmente costituiscono la barriera tecnologica per un recupero energetico a temperature più elevate degli impianti di termovalorizzazione;
. valutare la convenienza tecnico-economica dell'opzione di integrazione tra termovalorizzazione  e cicli combinati;
. accertare le prestazioni dei sistemi di contenimento delle emissioni di inquinanti gassosi (microinquinanti organici, diossine, ecc.) propri degli impianti WTE
. sviluppare tecniche innovative per la determinazione della frazione biogenica dei rifiuti trattati nei termovalorizzatori
. caratterizzare e sviluppare la normativa relativa ai Combustibili Solidi Secondari (CSS) o sviluppare sistemi innovativi di monitoraggio della corrosione ed effettuare campagne di misura in grandi impianti di co-combustione di rifiuti (CSS)-carbone

EVENTI

Dagli scarti al biometano: traiettorie concrete per un settore in espansione

Il prossimo 14 maggio RSE [da tempo attiva nella ricerca tecnologica sui processi di produzione di questo vettore pulito] organizza a Milano assieme alla Regione Lombardia e al Custer lombardo dell’energia LE2C un evento di informazione e di discussione sui relativi aspetti tecnici, di redditività, di sostenibilità  dettaglio